Paesaggio

Ponte di Veja

L’imponente volta naturale del Ponte di Veja è una delle maggiori attrattive della Lessinia: originatosi oltre centomila anni fa dal crollo di una cavità carsica, con una luce di oltre cinquanta metri e un’altezza di trenta è oggi l’arco roccioso più grande d’Europa. Facilmente accessibile con ogni mezzo, può essere visitato (e attraversato) anche in mountain bike grazie a un itinerario ricco di saliscendi ma dal fondo a tratti sconnesso.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/6
Descrizione percorso:

Da Grezzana,  nel cuore della Valpantena, ci si sposta a Stallavena e si inizia a salire con regolarità verso Alcenago e Coda; si imbocca quindi la “Strada delle Sengie”, una suggestiva carrareccia che lambisce i vertiginosi precipizi delle cenge affacciate sulla valle sottostante.

Si giunge così al Ponte di Veja, con il percorso che lo attraversa per intero e dove un agevole sentiero permette di esplorare le grotte e le cascate situate ai piedi dell’arco. Il tour prosegue, in discesa, sul segnavia 257 che raggiunge il fondo del Vajo della Marciora;  alcuni minuti a piedi su una ripida traccia permettono infine di collegarsi alla comoda strada provinciale.

Si torna a salire, ora su una carrareccia smossa, nei boschi del Dosso del Tuil e successivamente sulle ampie praterie verso Pontarol. L’itinerario affronta qui la sua parte più panoramica, con il crinale del monte Masua di Cerna che regala ampie vedute su tutta la Lessinia, arrivando a scorgere le vette delle Piccole Dolomiti e del monte Baldo.

Nella lunga e discontinua discesa che segue, dopo aver aggirato con cautela una proprietà privata, si toccano gli sterrati del monte Nuvola e i vigneti dell’alta Valpolicella prima di percorrere un tratto asfaltato sulle strade secondarie del monte Comun.

Il percorso diviene ora tecnico ed impegnativo, superando alcuni trail piuttosto sconnessi che – soprattutto in caso di bagnato – potrebbero costringere a proseguire a piedi per alcuni minuti; in breve la discesa torna nuovamente scorrevole tra sentieri e mulattiere, concludendosi sui tornanti del divertente single track che scende a Grezzana.

Punto di partenza:

Grezzana, via G.Marconi.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project