bikepacking bambini cicloturismo Cortina d'Ampezzo

Siete incuriositi dal fare cicloturismo con bambini al seguito? Quanti di voi hanno mai pensato a una vacanza on the road, portando i propri figli a pedalare nella natura, in totale libertà?

Noi c’abbiamo provato, cercando di superare le varie difficoltà organizzative, e questa che vi raccontiamo è la nostra esperienza!

Alba

Non ha ancora quattro anni e mezzo, ma la piccola Alba è sempre pronta a nuove avventure.

Che siano gite nel bosco, escursioni in montagna o pedalate in bicicletta (o al traino), tutto va bene pur di sfogare la sua esagerata esuberanza e vivacità!

Era scontato che accogliesse con curiosità anche questa nuova esperienza: tre giorni a spasso in bicicletta, sul “cammellino” trainato dall’e-bike del papà, dormendo fuori casa e pregustando tutta una serie di “sorprese” che l’hanno ben disposta a questo nuovo e strano modo di intendere la vacanza.

Già, perché il primo segreto per la buona riuscita del bikepacking con i bambini è non farli annoiare.

Non bisogna infatti cadere nella tentazione di macinare chilometri solo per arrivare a destinazione, ma studiare un percorso alla portata dei più piccoli che sappia divertirli e coinvolgerli.

La scelta del percorso

La scelta del percorso è quindi essenziale per la buona riuscita del bikepacking con i bambini.

Trattandosi della prima esperienza del genere, nel tracciare il percorso abbiamo considerato due elementi fondamentali: la perfetta conoscenza dei luoghi attraversati (quindi niente sorprese sgradite) e la vicinanza dei nonni che – in ogni momento e in poco più di un’ora – avrebbero potuto “recuperarci” in caso di difficoltà.

La scelta è caduta su un classico delle Dolomiti ossia le piste ciclabili del Cadore e della Pusteria, da Calalzo a Cortina e poi fino a San Candido. L’ultima tappa un po’ più accidentata ci ha invece ha condotto nella vallata del Comelico con quote più elevate, sterrati meno compatti e pendenze più accentuate.

Ne è uscito un tracciato semplice e dai chilometraggi non eccessivi (mai oltre i quaranta chilometri), che consentisse di rimanere in sella non più di tre-quattro ore al giorno e che offrisse frequenti diversivi da proporre alla piccola Alba.

L’equipaggiamento

Come già anticipato abbiamo pedalato su e-bike con un cammellino da 20” al traino.

Per i bagagli necessari durante i tre giorni/due notti abbiamo invece sfruttato una saddle bag da 14 litri, una borsa manubrio Lezyne da 7 litri (posizionata sul cammellino), un normale zaino da escursionismo e un piccolo zainetto dove Alba ha potuto riporre un paio di scarpette di ricambio, il biberon e l’inseparabile peluche della notte.

Restando in tema di coinvolgimento dei bambini, non possiamo non raccontarvi del divertimento che Alba ha provato nel selezionare i vestiti da portare via e preparare i sacchetti (così gli abiti non si bagnano!), ma anche nell’apprendere una serie di piccoli trucchi per ottimizzare i volumi come quello di riempire tutti gli spazi vuoti (comprese le scarpe!) con gli oggetti più piccoli come calzini o pacchetti di biscotti.

Vitto e alloggio

Un passo alla volta: niente tende né vita randagia. Avventura sì, ma fino a un certo punto!

In questa piccola vacanza abbiamo sfruttato la preziosa ospitalità degli zii in campeggio, a Cortina, e un semplice affittacamere a San Candido. Per i pranzi l’obiettivo era improvvisare strada facendo mentre le cene le abbiamo consumate una dagli zii di cui sopra e una in un ristorante.

Biscotti, barrette e qualche dolcetto comunque sempre pronti nello zaino, all’occorrenza.

Mai annoiarsi

Lo abbiamo già detto, per vivere al meglio il bikepacking con i bambini bisogna far sì che non si annoino: questo significa inventarsi continuamente modi e situazioni per intrattenerli.

Durante i tre giorni di viaggio abbiamo passato tutto il repertorio delle canzoncine e filastrocche dell’asilo e abbiamo scrutato il bosco alla ricerca del Floopaloo (chi ha figli saprà a cosa ci riferiamo…). Senza dimenticare i sassi lanciati in tutti i laghi e laghetti incontrati, gli innumerevoli parchi giochi e il saluto a tutti gli animali che capitavano a tiro (mucche, cavalli, cani, persino dei lama!).

L’itinerario affrontato ha poi fornito continui spunti di interesse e distrazione, dalle gallerie ai ponti, dalle pareti rocciose ai guadi, sottopassi e discese, le paludi di Malga Nemes e persino un piccolo bike park nella val di Sesto da ripetere più e più volte (sì, anche con il cammellino!).

E ancora, Alba ha scoperto come funziona un mulino, si è sgolata a supportare i partecipanti alla granfondo di Cortina, si è inzuppata in uno scroscio di pioggia al lago di Landro. Ha urlato dall’adrenalina scendendo giù dal passo Montecroce Comelico, e ha persino imparato a non sporcarsi perché “non abbiamo la lavatrice”!

Il risultato di questa tre giorni di bikepacking è che Alba è arrivata alla fine triste e arrabbiata: sì, perché avrebbe voluto continuare ancora per qualche altro giorno!

Traccia GPS

Scaricala qui

Nota: l’ultima tappa presenta una salita molto ripida che può essere affrontata solo con e-bike, e una discesa altrettanto ripida e sconnessa.


Il sito nest.bike partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.

Ti potrebbe interessare

2 Commenti

  1. bel giro ma la traccia gpx è incompleta.
    peccato

  2. La traccia GPX è completa, ma non compie un giro ad anello. Partenza ed arrivo sono in due località diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.