Gravel

Conca Ampezzana

E' risaputo che gli itinerari attorno a Cortina d’Ampezzo rappresentino alcune delle mete preferite dagli amanti della mountain bike. Tuttavia la Regina delle Dolomiti dà la possibilità di godere delle meraviglie del panorama senza dover necessariamente salire di quota.

Il fondovalle del Boite, da Zuel a San Uberto, offre infatti percorsi di indubbio interesse, tanto facili quanto paesaggisticamente interessanti, soprattutto per i biker alle prime arm.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Questo itinerario dopo la prima impegnativa ma breve erta di Chiamulera (ricompensata dalla notevole vista su tutta la vallata e le vette circostanti) si innesta sulla ciclabile dell’ex ferrovia salendo gradualmente verso nord.

Si tocca la vecchia stazione di Fiames e una suggestiva galleria, prima del vertiginoso ponte sulla forra del Felizon che anticipa i tornantini del facile sentiero verso i ruderi del castello di Podestagno.

Raggiunta la strada statale e terminata la salita, una comoda sterrata scende ora nella valle di Fanes, attraversando l’incantevole Pian de Loa e lambendo le acque del torrente Boite lungo le quali si snoda la lunga e discontinua discesa verso sud: prevalentemente su larghe e compatte mulattiere, comprende anche alcune brevi contropendenze sul sentiero che dal ponte de Ra Sia conduce a Cadin: è questo il tratto forse più complesso, con due brevi ripide rampe e un fondo – tra sassi e radici – a volte insidioso.

Si ritorna quindi a Cortina scendendo con decisione allo Stadio del Ghiaccio: il percorso prosegue ora nella parte meridionale della Conca, attraversando i panoramici prati di Mortisa e di Campo e arrivando infine a Socol.

Tutto in leggera salita, il finale permette di ammirare il trampolino di Zuel (risalente alle Olimpiadi Invernali 1956, e raggiungibile con una rapida deviazione sulla sinistra) prima di tornare a Cortina pedalando nuovamente sulla ciclabile della vecchia ferrovia.

Punto di partenza:

Cortina d'Ampezzo, via Guglielmo Marconi, stazione autobus.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project