Paesaggio Pericoloso

Giro del Col Rosà

Raggiungibile tramite uno spettacolare sentiero a mezza costa, l’isolato corno roccioso del Col Rosà rappresenta una delle mete più attraenti dell’intera conca d’Ampezzo: il giro completo della cima è ricco infatti di suggestivi scorci tra gole selvagge, valli incastonate tra le rocce e grandi cascate.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/6
Descrizione percorso:

’itinerario ha inizio dallo stadio del ghiaccio di Cortina, da dove risale verso Cadelverzo e Cadin prima di immettersi sul bel sentiero 417 con il quale si giunge all’imbocco della salita al Lago Ghedina. L’ascesa, asfaltata nella prima parte, continua poi a medie pendenze su sterrato fino alle Crepe de Cianderou, una conformazione rocciosa affacciata sulla Valle del Boite.

Il percorso continua ora sul segnavia 409 fino al Passo Posporcora, arrivando ai piedi del Col Rosà con un lungo traverso panoramico: nonostante alcuni punti esposti, le meravigliose vedute su Cristallo, Pomagagnon e Croda Rossa d’Ampezzo fanno di questo passaggio uno dei più suggestivi di tutto il comprensorio.

Nella successiva ripida e difficile mulattiera verso la Valle di Fanes si consiglia di procedere con attenzione e cautela (anche a piedi se necessario) a causa del fondo sconnesso e delle profonde canalette di scolo. L'impegnativa discesa si snoda in un ambiente isolato e a tratti selvaggio fino al canyon del Ponte dei Cadoris, proseguendo poi molto più facile verso le bellissime Cascate di Fanes che possono essere visitate (a piedi) con una breve e facile deviazione sul sentiero attrezzato.

Raggiunto il Pian de Loa la discesa può considerarsi conclusa: da qui l’itinerario rientra verso Cortina prima sui veloci sterrati del Pian de Ra Spines, quindi sulla comoda ciclabile che segue il tracciato della vecchia ferrovia.

Punto di partenza:

Cortina d'Ampezzo, via A.Bonacossa, Stadio Olimpico del Ghiaccio.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project