Via degli Dei - Tappa 3 di 3

La Via degli Dei si conclude attraversando le colline fiorentine con la tappa più insidiosa: sebbene si discosti in parte dal percorso originale, presenta comunque salite impegnative, sentieri tecnici e passaggi a piedi.

1/7
Descrizione percorso:

Si comincia con la salita sterrata al castello di Trebbio, uno dei passaggi più classici della Via degli Dei, e dopo una veloce discesa su Tagliaferro si affronta l'impegnativa scalata verso il convento di Monte Senario: nella seconda parte si dovranno superare una serie di sentieri più o meno ripidi, più o meno smossi, e in parte non ciclabili; la vegetazione, di tipo più mediterraneo rispetto a quella incontrata nelle prime due tappe, si apre invece solamente nei facili chilometri finali verso il convento.

Il tracciato diventa ora più panoramico sui prati che scendono a Vetta le Croci, con i single track che tornano a susseguirsi verso l’ultima erta del tour: salire al colle del Pratone sarà impresa ardua a causa dello stretto e ripido sentiero (quindici minuti a spinta), ma una volta in cima la discesa finale saprà ricompensare delle fatiche compiute.

Ci si stacca definitivamente dalla Via degli Dei, scendendo tra gli ulivi delle colline di Fiesole su divertenti trail che tagliano la principale asfaltata. Lo sterrato conduce poi fino alle porte di Firenze, con gli ultimi chilometri nel cuore del centro storico che concludono il tour tra il Duomo e piazza della Signoria.

A tour concluso, il rientro da Firenze a Bologna può essere effettuato via Prato utilizzando i treni regionali (orari e tariffe su www.trenitalia.it)

Punto di partenza:

San Piero a Sieve, frazione di Scarperia e San Piero, via Provinciale.

Punto di arrivo:

Firenze, piazza della Signoria.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area