Supertrail

Monte Civillina - Sentiero del Sentinello

Situato sul crinale tra val d’Agno eval Leogra, il monte Civillina segna il confine tra Piccole Dolomiti e le colline vicentine. Fu inoltre luogo strategico nel corso della Grande Guerra, durante la quale vennero realizzati la mulattiera che sale alla cima e i presidi a copertura del fronte del Pasubio, distante solo pochi chilometri in linea d’aria.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Per raggiungerne la cima si parte da Valdagno con un itinerario che tocca dapprima la borgata di Lora di Sotto, addentrandosi poi nella val Grossa fino a Novello e tornando quindi a salire con decisione fino alla chiesetta del Mucchione.

L’ascesa si fa ora più dolce sui panoramici tratti prativi fino al passo Zovo, continuando in falsopiano sulla mulattiera che aggira il monte Castrazzano e raggiungendo Fonte Civillina: qui, incrociata la traccia che si affronterà più avanti, si percorre la piacevole e regolare strada a tornanti fino alla cima del monte Civillina.

Il punto d’osservazione sommitale regala un’impareggiabile vista sulle Piccole Dolomiti, dal Carega al Pasubio, dal Sengio Alto al Novegno, ospitando tra l’altro alcune ricostruzioni storiche nell’ambito dell’Ecomuseo all’aperto della Grande Guerra.

Poco sotto la cima si imbocca invece il sentiero del Sentinello, che se durante la Prima Guerra Mondiale fungeva da collegamento tra la valle dell’Agno e la retroguardia del fronte, oggi ospita una discesa divertente, ricca di passaggi tecnici e stretti tornanti.

Il trail si conclude a Retassene, da dove si risale verso Fonte Civillina con pendenze regolari l’itinerario si mantiene ora in quota seguendo la cresta dello spartiacque, procedendo con saliscendi, variazioni di fondo e sporadiche viste sule vette più a nord fino a Contrada Busellati.

L’agevole discesa su Recoaro è il preludio al lungo rientro nel fondovalle, i cui primi chilometri si contraddistinguono per alcuni tratti di salita tra boschi e frazioni isolate, mentre il finale è decisamente più rapido tra viabilità ordinaria e ciclabile dell’Agno.

Punto di partenza:

Valdagno, piazza C. Cavour.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project