E' arrivato il Calendario 2023!

Vivi l'anno nuovo all'insegna delle due ruote: acquista il nostro calendario e sostieni nest.bike

SCOPRI IL CALENDARIO

 

Gravel Paesaggio

Monte Sante Marie

La bellissima e polverosa strada sterrata di Monte Sante Marie, tra Asciano e Torre a Castello, è diventata celebre grazie ad eventi sportivi come Eroica e Strade Bianche ed ha nelle forti pendenze e negli scorci da cartolina le sue caratteristiche peculiari.

1/10
Descrizione percorso:

Lo sterro di Monte Sante Marie inizia appena fuori l’abitato di Asciano: gli 11,5 chilometri di strada bianca cominciano con un agevole tratto ondulato al termine del quale si incontra il cippo dedicato a Fabian Cancellara, tre volte vincitore della competizione professionistica e al quale è intitolato questo settore sterrato.

Si affronta quindi il primo strappo vero e proprio, un chilometro dalle pendenze incostanti che arrivano a sfiorare il 20%, seguito da altre ondulazioni più brevi. La successiva ripida e insidiosa discesa introduce invece alla seconda erta, quella che dal ponte sulla ferrovia sale per un altro chilometro su pendenze che si mantengono costanti attorno al 10 per cento e che scollina alle case di Monte Sante Marie con un ultimo facile strappetto.

La seconda metà dello sterrato resta invece in quota, in un susseguirsi di saliscendi e curve polverose che offrono scenografiche vedute sulle colline e i calanchi delle Crete Senesi.

Un ultimo tratto di salita conduce quindi a Torre a Castello, e dopo un breve tratto asfaltato si imbocca la strada di Canapaia che scende dolcemente verso Monteacuto su tratturi polverosi e sconnessi, e qualche improvvisa contropendenza.

Si arriva così sul fondovalle del fiume Ombrone, se ne segue il corso per alcuni chilometri e si imboccano poi le carrarecce di campagna verso il borgo di Armaiolo. Da qui si affronta il facile periplo della piana di Modanella prima di salire ulteriormente fino al suggestivo centro storico di Serre di Rapolano.

Tratturi di campagna riconducono ora verso Asciano, toccando poderi abbandonati e suggestive creste collinari, con il tour che si chiude con lo stappo che sale al Poggio del Leccio.

Punto di partenza:Asciano, Corso Giacomo Matteotti.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area