Supertrail Paesaggio Pericoloso

Pasubio - Sentiero dei Foxi

A più di un secolo dalla Prima Guerra Mondiale, sul Pasubio è ancora forte la testimonianza di quegli avvenimenti: a partire dalla Strada degli Eroi, proseguendo per le mulattiere della Zona Sacra fino ai camminamenti e le trincee del Dente italiano e di quello Austriaco, sono tantissimi infatti i riferimenti ai cruenti combattimenti che qui si svolsero. Attraversando tutto l’ondulato campo di battaglia a oltre 2000 metri si andrà poi a scendere in territorio trentino percorrendo il tecnico Sentiero dei Foxi.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/6
Descrizione percorso:

La salita al Pasubio avviene da Pian delle Fugazze, seguendo la sinuosa sterrata a pendenze regolari che dopo la galleria D’Havet cambia radicalmente caratteristiche: la Strada degli Eroi, costruita dall’esercito italiano per rifornire il fronte rimanendo al riparo del fuoco nemico, nel giro di poche decine di metri passa infatti dai fitti boschi a strapiombi e muri di roccia.
 
Il colpo d’occhio è impressionante, con la stradina che taglia le pareti meridionali del massiccio del Pasubio tra passaggi arditi e gallerie, cenge e tornanti; l’esposizione sul baratro è pressoché costante, ma la larghezza della rotabile e le buone condizioni del fondo permettono di raggiungere il rifugio Gen. Papa in tutta sicurezza.
 
Oltre il rifugio si entra poi nella Zona Sacra, l’area sommitale dove si svolsero alcune delle battaglie più violente della Prima Guerra Mondiale: l’arco romano, la chiesetta di Santa Maria e il celebre monito “Di qui non si passa” sono le testimonianze che accompagnano nella dura salita a Sella di Comando. Da qui in poi si continua su sentieri non sempre ciclabili, attraversando un territorio brullo e disagevole, spoglio e isolato, incontrando di continuo riferimenti agli eventi bellici che qui si svolsero.
 
Il tratto più complicato, quello che in circa 10 minuti a piedi include qualche passaggio difficile e dei punti esposti, termina a Sella del Roite: qui lo stretto single track ritorna ciclabile offrendo grandiose vedute sulle montagne trentine, continuando poi con un settore più tecnico fino al rifugio Lancia.
 
La successiva salita al monte Testo, interamente su sentiero, si presenta all’inizio ripida ma diventa poi più pedalabile fino alla vetta: da qui si scende ora alla Bocchetta dei Foxi, dove il trail si fa impegnativo.
 
I primi tornantini, quelli sotto alla parete di roccia, sono infatti i più complicati, ma una volta dentro al bosco il fondo più agevole permette di scendere con sicurezza e divertimento serpeggiando a gran velocità verso la Vallarsa.
 
Ritornare al Pian delle Fugazze è invece il momento meno interessante dell’itinerario: i dieci chilometri su larga provinciale, le pendenze talvolta a doppia cifra e il paesaggio non sempre interessante sono però l’inevitabile via per chiudere il tour.

Punto di partenza:

Passo Pian delle Fugazze, comune di Valli del Pasubio, S.P. 46.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project