Supertrail Paesaggio

Val Viola

La val Viola è un luogo incantato, dove gli alti picchi rocciosi fanno da sfondo agli ultimi nevai dell’inverno che vanno a fondersi con i laghetti di fondovalle. È anche un luogo facilmente accessibile, viste le agevoli pendenze della strada che vi si addentra; ed è pure un luogo dal nome curioso, dopo che per errore i cartografi dell’ottocento scambiarono l’iniziale toponimo “albiola” nell’attuale Viola.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/9
Descrizione percorso:

L’itinerario comincia valicando i passi di Eira e Foscagno, i passaggi obbligati per poter uscire dalla vallata di Livigno: il primo è decisamente ripido e difficile, il secondo invece più agevole preferendo l’asfalto all’alternativa più complicata su single track.

Dal Foscagno una rapida e divertente discesa conduce al Pian dell’Acqua e poi alla pianeggiante strada Decauville, da seguire fino ad Arnoga dove ha inizio la lunga salita della val Viola: le pendenze sempre pedalabili consentono di ammirare – una volta fuori dal bosco – tutte le cime over 3000 che cingono la vallata. Picchi rocciosi, nevai e ghiacciai si susseguono fino alla grande spianata dove sorge il rifugio Val Viola, e da dove si diparte l’ultima parte dalla scalata fino al passo di Confine.

Si entra così in Svizzera, scendendo poi sul tecnico sentiero per Camp attraverso una cornice naturale mozzafiato; dal rifugio Saoseo ci si immette quindi sulla veloce strada bianca per Sfazù, terminando la discesa sulla strada asfaltata del passo Bernina.

È proprio su questa strada larga, trafficata e piuttosto monotona che si guadagna quota fino al bivio per la Forcola di Livigno, rientrando così in Italia: in totale saranno nove chilometri di asfalto suddivisi in tre settori, l’ultimo dei quali – quello tra la dogana svizzera e la Forcola – è anche il più ripido.

La discesa finale si apre con un divertente toboga proprio sotto al valico, correndo poi veloce nella valle della Forcola fino all’Alpe Vago e Campaccio, dove si imbocca la ciclabile che riporta a Livigno.

Punto di partenza:

Livigno, via Isola.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project