No E-bike

Altar Knotto

Si narra che la parte più occidentale dell’Altopiano di Asiago, quella incastonata tra la Val d’Assa e la Val d’Astico, fu la prima ad essere occupata dai Cimbri, popolo barbaro di origine nord-europea. Nel corso dei secoli la zona venne poi abitata da popolazioni di lingua tedesca, idioma che ancora oggi caratterizza fortemente i toponimi dell’Altopiano come ad esempio due delle curiose mete di questo itinerario, l’Altar Knotto (“antica pietra”) e l’Alta Kugela (“antico riparo”).

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

L’itinerario inizia da Rotzo salendo con modeste pendenze verso l’isolato Altar Knotto, un’enorme e affascinante roccia sul baratro della Val d’Astico, dalla particolare forma ad altare che – si pensa – sia legata ad antichi culti pagani. Non a caso è soprannominato "el scagno del diavolo".

Accessibile tramite un breve sentiero poco visibile e non sempre ciclabile (5 minuti a piedi), l’Altar Knotto si trova a poche decine di metri dall’Alta Kugela, una stupenda tettoia naturale immersa nel bosco, scavata nella roccia dagli elementi naturali per ottanta metri di lunghezza e tre di altezza.

Si torna quindi a salire sulle facili pendenze delle strade militari fino a Cima Campolongo, dove l’omonimo forte della Prima Guerra Mondiale offre una grandiosa veduta sull'Altopiano di Tonezza e dei Fiorentini e su tutta la Val d’Astico; ristrutturato di recente, è possibile esplorarne stanze e cunicoli seguendo i pannelli illustrativi.

Il sentiero di discesa si stacca all'esterno di un tornante sinistrorso, e dopo una prima parte agevole diventa del tutto non ciclabile: dieci minuti a piedi (e qualche passaggio a sorpresa) basteranno per raggiungere l’ennesima meraviglia di questo itinerario,.

La Caverna del Sciason è intatti una grotta magica, enorme e profonda, un pozzo vertiginoso largo almeno quaranta metri all’imbocco e profondo oltre cento, con il ghiaccio alle pareti e una particolare corrente d’aria gelida all’origine di frequenti nebbie e foschie.

Dalla vicina casera Casera Campolongo, che può essere raggiunta dall'omonimo forte visto in precedenza anche seguendo la comoda rotabile principale, si prosegue aggirando il Monte Agro e affrontando poi la sconnessa salita alla Croce del Civello; la lunga discesa finale che riporta al punto di partenza, interrotta dalla risalita nei boschi del Monte Erio, non presenta difficoltà di sorta.

Punto di partenza:

Mezzaselva, frazione del comune di Roana, via XXI Maggio.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project