No E-bike Paesaggio Pericoloso

Giro dell'Ortigara

Il Monte Ortigara deve la sua triste ma gloriosa fama ai terribili e sanguinosi scontri che vi si svolsero tra il 10 e il 29 Giugno del 1917: con 400.000 soldati impiegati e 36.000 morti risultò infatti la più grande battaglia in quota mai combattuta. L’itinerario, con partenza dalla Valsugana, effettua un ampio e impegnativo periplo attorno alla cima senza però raggiungerne la vetta.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

La lunghissima salita che contraddistingue il tour inizia con la “strada della Barricata”, una delle più ardite opere d'ingegneria mai affrontate dalle truppe dell'Impero Austro-Ungarico, che in poco più di dieci regolari chilometri sale tra tornanti e passaggi esposti verso l’Altopiano di Asiago.

In vista del rifugio Barricata le pendenze si addolciscono ma il fondo, ora sterrato, diviene piuttosto sconnesso proseguendo verso gli Scogli dell’Alpofin; la salita continua poi alternando erte e falsipiani, toccando Pian delle Saline e proseguendo sulla Karl Kaiser Strasse fino al desolante e lunare paesaggio di Bivio Italia: la vetta dell’Ortigara, distante soli cinque chilometri, può essere raggiunta seguendo la mulattiera che si dirama verso nord.

L’ascesa invece prosegue tra immense distese rocciose fino ai 2060 della Sella Mecenseffy: finalmente, dopo oltre venticinque chilometri sempre all’insu, si scollina verso Campo Gallina imboccando poi la Erzherzog Eugen Straße che, valicata Bocchetta Portule (dove si trova una preziosa fontana), scende agevole a Malga Larici. Un ultimo facile dente permette quindi di arrivare a Porta Manazzo, piccola sella a picco sulla Valsugana.

L’itinerario, fin qui tecnicamente semplice, diviene d’improvviso più impegnativo: il bellissimo single track che scende nel sottobosco verso la Val Sella si rivela infatti tecnico, stretto e ripido, con alcuni brevi passaggi non ciclabili che divengono meno frequenti scendendo di quota. Nella picchiata si incontrano comunque diverse mulattiere che i meno abili potranno sfruttare per scendere a valle con più facilità.

Dalla Val Sella la discesa prosegue ora più agevole tra i variegati sterrati del Sentiero Don Cesare fino a Olle, imboccando quindi la comoda ciclabile in leggera discesa che riporta verso il punto di partenza.

Punto di partenza:

Grigno, via della Stazione, stazione ferroviaria.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project