Gravel

Campo Trincerato - Bosco di Mestre

Il Campo Trincerato di Mestre è un sistema di dodici forti a difesa della città di Venezia. I lavori per la loro costruzione iniziarono nel XIX secolo sotto dominazione austriaca e dopo il 1866 proseguirono con il Regno d’Italia, ma per vederne la configurazione attuale si dovette aspettare fino all’inizio del secolo successivo.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Il loro utilizzo durante la Prima Guerra mondiale fu però limitato dalle nuove e più moderne tecniche belliche, dalle battaglie di trincea all’artiglieria pesante, e vennero usati principalmente come basi logistiche dopo la ritirata di Caporetto e la successiva offensiva del Piave.
 
Il bosco di Mestre è invece un progetto molto più recente che punta a tutelare le aree naturali della terraferma veneziana, ripristinando antiche zone boscose e corsi d’acqua. Oggi il bosco di Mestre è suddiviso in diverse aree che in totale contano oltre 230 ettari di superficie.
 
L’itinerario inizia dal quartiere Gazzera, alla periferia di Mestre: si attraversa tutto il centro il città tenendosi su percorsi protetti e dal traffico limitato. Dopo l’argine del Marzenego si tocca prima il bosco dell’Osellino e poi Forte Marghera. Nel vicino parco San Giuliano si lambisce invece il Forte Manin, oggi diroccato e inaccessibile, proseguendo poi sulla scenografica Ciclabile delle Barene che, affacciata sulla laguna, consente di raggiungere il Forte Bazzera.
 
Attraversato il centro di Tessera si entra quindi in aperta campagna, incontrando prima il Forte Rossarol (sulla destra del percorso, oggi destinato a una comunità di recupero) e quindi, dopo l’argine del Canale Scolmatore, il “cuore” del Bosco di Mestre.
 
Il bosco, che si sviluppa attorno al Forte Cosenz, è vasto e articolato in diverse aree, tutte solcate da comode sterrate e ampi sentieri: si attraversa prima il bosco Zaher, poi si entra nella vasta radura che caratterizza il Bosco Franca e infine si esplorano le piste del Bosco Ottolenghi.
 
Poco distante si trovano invece Forte Carpenedo, che può essere aggirato grazie a un comodo single track, e il bosco omonimo (recintato).  Raggiunto nuovamente il centro di Mestre, si affronta la parte conclusiva del tour, che sfruttando i numerosi percorsi ciclabili cittadini si spinge fino a Zelarino e ritorna al punto di partenza passando per i pendii prativi del Forte Gazzera.

Punto di partenza:

Gazzera, frazione del comune di Venezia, via Brendole.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project