Supertrail Paesaggio Pericoloso

Forcella Clautana - Strada degli Alpini

Situata nel cuore del Parco delle Dolomiti Friulane, la "Strada degli Alpini" della Forcella Clautana venne realizzata nel 1912 in vista di un possibile conflitto con l’Impero Asburgico. Oggi ridotta a stretto sentiero, grazie alle sue moderate e costanti pendenze può essere ancora percorsa nella sua interezza con un lungo itinerario tra valli impervie e dimenticate, dove la rilevante presenza di asfalto non intacca la magia e l’isolamento dei luoghi attraversati.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Dal Lago di Barcis si risale la Valcellina fino a Claut, dove comincia l’ascesa alla Forcella Clautana: inizialmente ripida, prosegue poi più agevole fino alla Casera Casavento nei cui pressi si possono osservare le impronte lasciate da un dinosauro della famiglia dei Teropodi 220 milioni di anni fa.

Si imbocca ora lo stretto sentiero 966 che con pendenze regolari e una lunga serie di tornanti sale verso la forcella: il percorso è a tratti esposto, ma il fondo roccioso in discrete condizioni ne garantisce una ciclabilità quasi totale. Raggiunta Forcella Clautana, che dopo la Disfatta di Caporetto vide transitare il battaglione del tenente Erwin Rommel diretto verso la valle del Piave, si prosegue in discesa nella selvaggia Val Silisia.

Fatta eccezione per alcuni punti franati, la Strada degli Alpini rimane sempre percorribile senza grosse difficoltà alternando tratti nel bosco a serpentine tra le rocce; di medio livello tecnico, presenta però alcuni passaggi pericolosi che richiedono la massima attenzione. Nei mesi estivi, inoltre, la rigogliosa vegetazione potrebbe rallentare sensibilmente l’avanzare.

Il tour continua con gli sterrati e le contropendenze lungo il Lago di Selva fino all’imponente diga, innestandosi quindi sull’asfalto. Il rientro verso Barcis si svolge su strade isolate e prive di traffico, immerse nel fitto bosco dal quale emergono borghi e paesi dove il tempo sembra essersi fermato da decenni. Superate le serpentine della Forcella di Pala Barzana e la successiva tecnica discesa, l’itinerario si conclude con la Strada del Dint che, nei mesi estivi, può essere sostituita dalla suggestiva Strada Molassa della Forra del Cellina (informazioni su www.riservaforracellina.it).

Punto di partenza:

Barcis, località Ponte Antoi, accesso Strada Molassa - Forra del Cellina.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project