Supertrail

Lama di Som - Strada del Patriarca

Il termine “lama” individua una conca, o più in generale un piccolo avvallamento del terreno, spesso riempito d’acqua piovana da cui il bestiame si abbevera. Sebbene la zona sia ricca di semplici pozze come queste, Lama di Som è una tra le più note in quanto ospita alcune case vacanze facilmente raggiungibili in auto.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/6
Descrizione percorso:

L’itinerario si apre con i saliscendi nelle colline pedemontane, attraversando un paesaggio rurale parzialmente deturpato da numerose cave; in una di queste, quella di Sarone, uno smottamento ha interrotto la strada perimetrale e sarà quindi necessario aggirare le frana su una ripida forestale che dalla località Valle sale verso Valle Sitade dove, in vista dello scollinamento, ci si innesta su un divertente single track che scendere fino a Masaret.
 
Si comincia quindi a salire verso Lama di Som su una carrareccia larga e dalle pendenze che si fanno via via più impegnative guadagnando quota. Con il panorama quasi sempre nascosto dalla folta vegetazione si raggiunge finalmente Lama di Som, proseguendo poi su erte ancor più aspre fino al provvidenziale pianoro di Casera Cima la Costa, che anticipa gli ultimi agevoli chilometri verso la vetta.
 
Restando sempre immersi nel bosco si inizia così a scendere, su asfalto, andando a intercettare la “Strada del Patriarca”: si tratta un’antica via medioevale voluta dal Patriarca di Aquileia per collegare il porto fluviale di Sacile con il bellunese, aggirando così la dogana di Serravalle a Vittorio Veneto. Su quel che oggi rimane di quel vecchio sentiero (segnavia 1060) si snoda l’adrenalinica picchiata finale del tour.
 
La prima parte è veloce e poco impegnativa, ma più si scende e più aumentano sia la pendenza che le difficoltà: il trail diventa infatti più lento e tecnico, con diversi passaggi su rocce e alcuni punti poco ciclabili. Nella seconda metà il fondo si presenta invece più instabile per via di sabbia e rocce mobili fino alla conclusione della discesa sulla strada pedemontana che collega le cave della zona; da qui si rientra rapidamente a Caneva seguendo tranquilli tratturi rurali.

Punto di partenza:

Caneva, piazza Martiri Garibaldini.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project