Paesaggio

Pian dei Buoi - Col Vidal

Tra i luoghi più panoramici del Cadore rientra sicuramente il Pian dei Buoi, che con i suoi 1800 metri di quota si rivela essere un grandioso balcone naturale sulle Dolomiti Orientali: tra le tantissime vette che si possono ammirare spiccano Spalti di Toro e Cridola a sud, l’Ajarnola e le vette di Comelico e Sappada a est, Paterno, Popera e le Tre Cime di Lavaredo a nord, con le vicinissime creste delle Maramarole a chiudere verso ovest questa straordinaria cornice di monti.

Questo spettacolo tale è accessibile grazie a un percorso non eccessivamente impegnativo e dalle difficoltà tecniche quasi nulle.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/6
Descrizione percorso:

Si parte dalle sponde del lago di Auronzo percorrendo poco più di cinque di chilometri in leggera discesa sulla statale fino a Lozzo di Cadore, dove inizia la salita al Pian dei Buoi.

Subito si sfruttano strade secondarie e qualche variante sterrata più ripida, ma una volta innestatasi sulla comoda rotabile asfaltata l’ascesa diventa più agevole grazie alle pendenze regolari che consentono di salire abbastanza facilmente; l’unica difficoltà è rappresentata dalla lunghezza della salita (oltre dodici chilometri immersi nel bosco) che potrebbe rendere la scalata noiosa e monotona.

Tuttavia una volta in cima il meraviglioso panorama si apre in ogni direzione, con il tour che effettua una traversata in quota tra i ruderi della Grande Guerra presenti sui pendii del Col Cervera; al Pian del Formai, dopo aver affrontato la deviazione in salita verso le fortificazioni del Col Vidal, ci si sposta sul versante nord del Pian dei Buoi pedalando tra i vasti pascoli che degradano verso nord.

Un ultimo strappo, quello del Col dei Buoi, immette sulla discesa nella selvaggia Val di Poorse: in questo frangente la mulattiera si presenta sufficientemente ripida e sconnessa da consigliare prudenza viste le alte velocità che si possono raggiungere.

Attraversato con un rinfrescante guado il rio Da Rin, il tour scende su asfalto verso la valle dell’Ansiei: da qui la piacevole pista ciclabile sterrata a fianco del torrente permette di ritornare rapidamente ad Auronzo.

Punto di partenza:

Auronzo di Cadore, lungolago via Zardus.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project