Gravel Paesaggio

Pienza e Monticchiello

La Val d’Orcia, con i suoi gradevoli e vasti paesaggi collinari, merita di essere esplorata in ogni suo angolo: che la meta sia un borgo rinascimentale o un colle panoramico, una chiesetta isolata o un filare di cipressi, ogni volta questo territorio rivela infatti nuovi scorci e suggestioni. La parte più a nord della vallata, in particolare, permette di godere di un percorso tra i più interessanti e scenografici della provincia di Siena.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

La prima parte dell’itinerario si snoda tra i pendii argillosi tipici della Val d’Orcia, ed offre una veduta pressoché costante sul monte Amiata (a sud) e sulle vicine alture di Pienza e Monticchiello (a nord).

Al guado del Fosso Tresa termina la parte più scorrevole ed inizia l’ascesa principale del tour: quella per Monticchiello è una salita piuttosto regolare ma caratterizzata un vecchio sentiero che – nei mesi più caldi – potrebbe essere parzialmente ostruito dalla vegetazione; è comunque possibile evitare questo tratto proseguendo sui campi circostanti per un centinaio di metri.

Raggiunto il borgo medioevale, uno dei più affascinanti e meglio conservati della campagna senese, lo si attraversa percorrendone i ripidi e stretti viottoli fino a imboccare un divertente single track che scende nei boschi a nord del paese. Da qui una bellissima strada bianca panoramica conduce, con pendenze anche severe, verso l’altra perla della zona.

Patrimonio UNESCO, Pienza deve il suo splendore rinascimentale a Papa Pio II, che fece del suo paese natale il centro più rinomato e di maggiore importanza artistica della Val d’Orcia: l’attraversamento del borgo quattrocentesco e il successivo colpo d'occhio sulla vallata sono senza dubbio i passaggi più belli di questo itinerario.

Si prosegue ora tra gli ulivi toccando il Romitorio e la Pieve di Corsignano, perdendo rapidamente quota e salendo poi alla cappella della Madonna di Vitaleta: anch’essa sotto tutela dell’UNESCO, sorge sulla cima di una collina spoglia e isolata dalla quale si può godere dell’ennesima vista mozzafiato su quest’angolo di Toscana (non a caso è uno dei luoghi più fotografati della Val d‘Orcia). L’ennesimo avvallamento da oltrepassare conduce infine sulla strada provinciale che chiude l’itinerario.

Punto di partenza:

San Quirico d’Orcia, piazza della Libertà.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project