Paesaggio

Val Jumela

Nel cuore delle Dolomiti, al centro della Val di Fassa, la Val Jumela è forse l’ultimo angolo di questa zona non ancora interessato dal turismo: gli escursionisti sono infatti rari non essendoci rifugi o impianti di risalita estivi, mentre la strada principale di accesso, ripida e impervia, è frequentata solamente dai proprietari delle malghe in quota. Una agevole via secondaria permette però di arrivarci, senza troppa fatica, in bicicletta: raggiunta la valle, però, si dovranno fronteggiare erte di tutto rispetto dove il piede a terra sarà molto frequente.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:


La salita inizia dal paese di Pozza e nella prima parte si addentra nella Val San Nicolò con pendenze abbordabili che proseguono anche dopo la deviazione sulla sterrata che sale tra i boschi del Buffaure. Al Pian delle Arboline si imbocca quindi il single track che taglia i pendii fino alla Val Jumela: qui lo scenario si fa più idilliaco e selvaggio, con la bellissima vallata che si fa sempre più ampia e verdeggiante salendo di quota.

Dalla malga omonima, distante solo poche centinaia di metri, la salita cambia faccia diventando improvvisamente più ripida e sconnessa, rendendo di fatto impossibile proseguire in sella; di tanto in tanto l’ascesa torna comunque più agevole, consentendo così di coprire lunghi tratti pedalando, magari sfruttando il compatto fondo erboso a lato della mulattiera.

E’ però dopo malga Jumela di Sopra, nei duecento metri di dislivello conclusivi, che si incontrano le pendenze più ostiche: allo scollinamento, posto ai ai 2428 metri di Sella Brunech, la vista si apre in ogni direzione regalando un panorama che spazia dal Catinaccio al Sella fino alla Marmolada, che con Punta Penia svetta incastonata tra le cime del Sas de Roces e del Colac.

Se la salita è stata ripida, ancor di più lo è ora la discesa: si snoda infatti tra le piste da sci del Ciampac, seguendone le strade di servizio estremamente pendenti ma sempre lisce e compatte. La picchiata continua poi nel bosco verso Alba fino a una deviazione che – con una breve risalita – collega al Troi di Ladinis prima di scendere definitivamente a Canazei.

Da qui, con le comode sterrate della Val di Fassa, si fa ritorno a Pozza seguendo il corso dell’Avisio.

Punto di partenza:

Pozza di Fassa, località Meida, piazza de Sen Nicolò.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project