Paesaggio

Monte Lisser

Anche se in realtà non fu mai interessato direttamente dagli eventi bellici, concentratisi sul vicino Grappa e sui versanti più a sud dell’Altopiano di Asiago, il forte del Monte Lisser fu in origine concepito come uno dei cardini dello sbarramento “Brenta-Cismon” che avrebbe dovuto proteggere il settore di confine della Valsugana nella Prima Guerra Mondiale. Oggi in stato di parziale abbandono, rappresenta una delle mete più interessanti e panoramiche dell’altopiano nord-orientale.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Lasciata Enego si sale con gradualità verso nord, toccando le case di Frizzon e la Grotta di Ernesto, proseguendo poi su pendenze più elevate ma sempre regolari. Allo scollinamento, appena sotto il ColleVal d’Antenne, il panorama si apre sulla sottostanteVal Brutta che andrà attraversata fino a giungere nelle vicine praterie di Val Maron.

Una mulattiera, a tratti piuttosto rovinata, procede ora in saliscendi fino ai piedi del Monte Lisser, la cui via di salita attraversa i pendii erbosi con facili pendenze offrendo una vista sempre più estesa: il panorama si apre infatti in ogni direzione per chilometri e chilometri, dal Monte Grappa alla pianura, dalla Val Belluna alle vette dolomitiche di Lagorai e Pale di San Martino, fino alle alture più a nord dell’Altopiano di Asiago.

In vetta al Lisser un breve anello consente di esplorare il forte omonimo, prima di tuffarsi in discesa sul segnavia 865: il sentiero scende tra i prati in direzione ovest identificato da alcuni paletti bianco-rossi che individuano la linea di discesa  e che nel finale -  verso casera Lisser - andrà del tutto inventata tra i pascoli e i prati.

Dopo una breve contropendenza la picchiata torna rapida e veloce sul crinale verso Stoner e il Monte Spitz, entrando poi nel bosco e raggiungendo l’isolato villaggio di Godeluna. Dieci minuti a piedi sul ripido sentiero 800 permettono ora di salire alle case di Corlo, rientrando a Enego sulla strada di Valgoda affacciata in maniera vertiginosa sulla sottostante Valsugana.

Punto di partenza:

Enego, piazza del Popolo.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project