No E-bike

Val di Pejo

All’estremità della Val di Sole, situata nel cuore del Parco Naturale dello Stelvio e incastonata nella superba cornice di Cevedale e Vioz, la Val di Pejo regala un percorso impegnativo ed estremamente suggestivo tra le valli de la Mare e di Monte, le due diramazioni che danno alla vallata una caratteristica forma a Y.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/9
Descrizione percorso:

Buona parte del dislivello complessivo viene coperta nella prima salita, quando da Cogolo si risale il versante orografico sinistro della val de la Mare con pendenze regolari e un ultimo tratto su sentiero non del tutto ciclabile. La breve discesa su malga Pontevecchio prelude quindi alla stretta e ripida stradina che raggiunge gli impianti idroelettrici con suggestivi passaggi scavati nella roccia.

Si imbocca ora il segnavia 127, un bellissimo single track che taglia il pendio boscoso mantenendosi poco sotto quota 2000 metri, presentando solamente alcuni brevi punti non ciclabili; il trail va poi a confluire su una larga e pianeggiante mulattiera che si porta sopra l’abitato di Pejo.

Il tracciato si fa ora movimentato con il single track per il rifugio Scoiattolo (qualche minuto a piedi nella prima parte del sentiero), una ripidissima discesa su pista da sci e ancora altri single track non sempre ciclabili verso la cascata dei Cadini, sicuramente di uno dei passaggi più curiosi del tour con il prorompente salto d’acqua parzialmente incanalato dalle opere idrauliche.

Ci si sposta quindi in val di Monte seguendo la strada militare della Vegaia fino al pianoro omonimo e raggiungendo poi malga Giumela, affacciata sul lago di Pian Palù: il periplo attorno allo specchio d’acqua non è però così semplice per via del difficile sentiero che scende all’estremità ovest del lago verso il guado del Noce e malga Pian Palù.

Malga Celentino segna l’inizio della discesa conclusiva (sentiero 110), che si apre con gli scalini del sentiero per il Fontanino e continua poi su un single track scorrevole che si fa però via via più tecnico e impegnativo, e che si impenna negli ultimi metri verso il Forte Barba di Fior. Raggiunte facilmente le case di Pejo Fonti, si ritorna verso Cogolo con sentieri prativi poco evidenti (fondamentale l’attenzione alla traccia) e gli ultimi divertenti sentierini del Percorso Botanico.

Punto di partenza:

Cogolo, frazione del comune di Peio, piazza dei Monari.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project