Paesaggio

Le colline di Soave

Le immense distese di filari e i dolci pendii sono il più celebre biglietto da visita delle colline di Soave, uno tra i distretti vitivinicoli più importanti d’Italia con la produzione che si concentra sulle dorsali e le valli prossime al borgo medievale di Soave. Ed è proprio nel cuore di questo territorio che si andrà a pedalare, lungo le panoramiche dorsali che separano le valli di Illasi, Tramigna e d’Alpone, in un ambiente idilliaco caratterizzato dalla presenza – oltre che di vigne – anche di numerosissimi ulivi e ciliegi.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

La partenza avviene da Monteforte d’Alpone, comune che detiene il record di più alta densità viticola d'Italia (oltre il 95 per cento della superficie agricola è coltivata a vigneto), salendo sul percorso dei Dieci Capitelli fino alla “Piazza degli Scheeti”, uno spiazzo roccioso disseminato di fossili discoidali (“scheeti” in dialetto locale). La successiva discesa, tecnica e rocciosa, rappresenta il punto più difficile di tutto il tour e consente di arrivare prima al castello Scaligero di Soave e quindi, con un suggestivo ciottolato nel cuore del vecchio borgo, al centro città.

Ci si sposta ora verso est, raggiungendo Colognola ai Colli e risalendo la dorsale che separa la valle d’Illasi dalla val Tramigna: dopo una prima parte più ripida l’ascesa diventa un piacevole falsopiano panoramico in cresta, toccando il castello di Illasi e il Santuario di San Felice.

La salita torna poi più marcata fino allo scollinamento di Sant’Anna, con il percorso che continua in un’alternanza di rapide discese e brevi risalite fino al Monte Mirabello, punto più alto del percorso. L’itinerario affronta ora una discesa graduale e scorrevole, interrotta di tanto in tanto da pianori e brevi contropendenze, e comprendente anche il bel single track del monte Calprea.

Superati gli abitati di Castelcerino e Fittà ci si dirige quindi verso la val d’Alpone, aggirando il monte Castellaro e scendendo poi a gran velocità tra i vigneti che sovrastano Costalunga. Raggiunta la pianura, il tour si conclude sulla ciclabile dell’Alpone che collega rapidamente a Monteforte.

Punto di partenza:

Monteforte d'Alpone, piazza S. Venturi.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project