Supertrail Paesaggio

Monte Pastello

Il monte Pastello separa la val d’Adige dalla Valpolicella, e può essere considerato un po’ l’ultima vetta meridionale della Lessinia: l’itinerario lo raggiunge con un’ascesa piuttosto irregolare di quasi trenta chilometri, dei quali però solo gli ultimi due veramente impegnativi (di più, terribili!) e in ogni caso evitabili.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Come detto la salita non è mai eccessivamente difficile, e procede per gradoni alternati a tratti più agevoli: si comincia con le moderate pendenze tra i vigneti di San Ambrogio di Valpolicella, affrontando poi un breve ma ripido single track. Si risale quindi il panoramico monte Solane scollinando verso Cavalo e Stravalle, proseguendo su strade secondarie e mulattiere nel bosco fino a Breonio.

Giunto al suo giro di boa settentrionale, l’itinerario guadagna ancora quota fino al monte Crocetta immettendosi poi sui divertenti sentieri che lambiscono il monte Pastelletto; un breve settore in asfalto conduce ora alla deviazione per il monte Pastello in località Molane.

L’erta conclusiva ai ripetitori radio è ripida, difficile, ed estremamente impegnativa: dal cancello in ferro al primo tornante, in particolare, le aspre pendenze obbligheranno i più a scendere di sella per alcune centinaia di metri. Le vedute dalla cima ripagano però degli sforzi fatti, regalando una vista spettacolare che spazia dalla Lessinia alla val d’Adige, dal Basso Garda alle Piccole Dolomiti.

Il pezzo forte del tour non sono in realtà i panorami del monte Pastello, bensì la discesa finale: dalla località Molane si imbocca prima una velocissima mulattiera sassosa e poi un sentiero più tecnico nei pressi del monte Pugna, che si tramuta poco oltre in divertentissimo single track.

Tenendo la destra a una serie di bivi si allunga lo spasso fin quasi al forte di Monte, parte dell’ottocentesco sbarramento austriaco sulla valle dell’Adige: da qui la discesa continua tra scenografici tornantini dal fondo smosso e passaggi scavati nella roccia, toccando il forte Ceraino e raggiungendo infine il fiume Adige, le cui placide sponde fanno da sfondo ai chilometri finali nella suggestiva gola della Chiusa.

Punto di partenza:

Volargne, frazione del comune di Dolcè, via degli Alpini.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project