Supertrail Paesaggio

Val Rosandra & Traversata Muggesana

Incastonato tra Carso e mare, l’entroterra triestino è lo scenario di questa traversata che dal capoluogo conduce con un affascinante percorso transfrontaliero fino a Muggia, unendo l’aspro ambiente carsico alla macchia mediterranea tipica della zona costiera.

 

E' arrivato il Calendario 2022 di nest.bike!

Da appendere a casa o in ufficio, per sè o per qualche amico, o magari come un regalo diverso ed originale, il Calendario 2022 del sito nest.bike è l'ideale per trascorrere dodici mesi all'insegna della mountain bike.

VAI AL CALENDARIO 2022

 

1/7
Descrizione percorso:

Il tour inizia da Piazza Unita d’Italia, il cuore nevralgico della città, raggiungendo con una prima dura salita l’altopiano carsico dove i Monti Belvedere e Calvo rappresentano due ottimi punti di osservazione su Trieste e il suo golfo. Le mulattiere si addentrano intanto sempre più all’interno superando i numerosi cancelletti del Parco Globojner: oltrepassato il paese di Basovizza si giunge all’omonima foiba, oggi simbolo degli eccidi e delle atrocità commesse dalle milizie Titine sul finire della seconda guerra mondiale.

Alcune distese pietrose fanno da preludio alla parte più tecnica e allo stesso tempo suggestiva del tour: i difficili sentieri che salgono al Monte Stena corrono infatti sul bordo della Val Rosandra, offrendo un grandioso colpo d’occhio sulle rupi, i ghiaioni e le pareti a strapiombo che contraddistinguono la vallata; la successiva discesa si presenta anch’essa ostica e intricata fino a Draga Sant’Elia, da dove diviene decisamente più facile innestandosi sulla ciclabile della vecchia ferrovia Trieste-Erpelle e – poco dopo – sulla ripida cementata per Bottazzo.

L’ultimo, bellissimo settore di discesa si snoda nel cuore della Val Rosandra sul trail che serpeggia tra dirupi e distese di roccia. Tale sentiero, pur non presentando particolari divieti, va affrontato con attenzione e a bassa velocità essendo concepito per gli escursionisti a piedi ai quali va data sempre la precedenza.

Le difficoltà tecniche proseguono ancora sul Sentiero Paola Rizzi, il cui imbocco si trova dopo la breve ascesa di Dolina: si tratta di un single track piuttosto esteso ed articolato, diviso in due settori, che si conclude con una rapida discesa in Val delle Noghere.

Il tour si collega ora al tracciato della Traversata Muggesana, un percorso tematico che attraversa tutta la penisola di Muggia, divenendo molto più veloce e scorrevole: fatta eccezione per la ripida e sconnessa salita a Santa Barbara, si procede infatti quasi sempre su comode stradine secondarie passando continuamente da una parte all’altra del confine Sloveno; strada facendo si tocca la basilica di Muggia Vecchia (magnifico il panorama sulla sottostante Baia di Muggia) dalla qualche si scende poi gradualmente verso la baia di San Bartolomeo.

I divertenti sentieri del Boschetto sono solo l’ultimo passaggio prima dell’ingresso tra le calli di Muggia, con il tour che termina nella pittoresca darsena al centro del paese.

Il ritorno al punto di partenza avviene obbligatoriamente sulla trafficata viabilità ordinaria (circa tredici chilometri); tuttavia, dati i frequenti collegamenti marittimi tra Muggia e Trieste, il rientro via mare può rappresentare una piacevole ed alternativa conclusione dell’escursione (orari e tariffe su www.triestetrasporti.it, massimo due biciclette trasportabili).

Punto di partenza:

Trieste, piazza Unità d’Italia.
Punto di arrivo: Muggia, Riva de Amicis.

Altimetria

Asfalto Sterrato Sentiero/Prato/Bosco Single Track Non ciclabile

Mappa

 

Ti è piaciuto questo itinerario? 

Hai provato questo itinerario e ne sei rimasto soddisfatto? Ritieni utili le informazioni messe a disposizione?
Allora sostienici con una donazione: sarebbe una forma di riconoscenza attiva e concreta per il lavoro svolto e le spese sostenute.

D'altronde, se ti avessimo accompagnato alla scoperta di un percorso a te sconosciuto, ci avresti offerto almeno un caffè?

 

FAI UNA DONAZIONE

 

Commenti

Nella stessa Area

Rudy Project